Arruollamento nella

LEGIO XI CLAVDIA

Sei un appassionato della Storia di Roma ed in particolar modo delle gesta delle Legioni Romane?

Vuoi finalmente provare le emozioni di cosa significa indossare la divisa da legionario, la lorica segmentata, portare il gladius, lo scutum ed il pilum, esercitarti come miles, fare vita da castrum, marciare in parata, imparare le tecniche di combattimento e mettere in pratica tutto ciò che finora hai solamente letto sui libri o visto al cinema?

Vuoi sentirti parte del Gruppo Storico Romano entrando nello spirito di corpo che contraddistingue ciascuncuntubernium della Legione XI Claudia?

Allora, ARRUOLATI nella LEGIO XI CLAVDIA PIA FIDELIS!!!

Chi è stata nella storia la Legio XI Claudia Pia Fidelis?
Questa gloriosa legione fu costituita da Giulio Cesare nel 58 a.C., con il nome di Legio XI, per condurre la campagna contro gli Elvezi, insieme alla legione XII. Poi fu utilizzata per le guerre di Gallia, partecipando in particolare all’assedio di Alesia, dove fu definitivamente sconfitto e catturato Vercingetorige. Seguì Cesare nella Guerra Civile contro Pompeo Magno, prendendo parte alle battaglie di Dyrrhachium e di Farsalo con la sconfitta disastrosa di Pompeo. Dopo la morte di Cesare la legione fu disciolta e ricostituita da Ottaviano. Con questi prese parte alla battaglia di Filippi (contro Bruto e Cassio, gli assassini di Cesare) e partecipò alla battaglia di Azio, dove il futuro Imperatore sconfisse la flotta di Marco Antonio e Cleopatra nel 31 a.C. Nel 42 d.C. mentre si trovava in Dalmazia insieme alla Legio VII soffocò la rivolta del Governatore Scriboniano contro l’Imperatore Claudio, che per questo motivo conferì alle due legioni l’appellativo di Claudia Pia et Fidelis, ovvero fedele e leale a Claudio. Durante le Guerre per la successione al Principato (68-69) si schierò prima con Otone e poi con il futuro Imperatore Vespasianonell’assedio vittorioso di Cremona che diede a quest’ultimo il trono di Roma.
Nell’anno successivo, al comando del generale Ceriale soffocò la rivolta di Giulio Civile in Gallia.
Nel futuro combatté con Domiziano contro i Catti e con Traiano nelle Guerre Daciche, comandata da Settimio Severonelle battaglie di Isso e nell’assedio di Bisanzio in Asia ed infine conquistò la capitale del Regno dei Parti, Ctesifonte.
castra conosciuti della XI Claudia sono in Dalmazia (Burnum), nella Germania Superiore a Vindonissa e fino alla fine dell’Impero per 4 secoli nella Moesia Inferiore a Durostorum, nella odierna Bulgaria.

Chi stiamo cercando?
Sicuramente persone che innanzitutto abbiano la passione per la storia, con particolare interesse per quella di Roma; che abbiano voglia di inserirsi in un contesto di amici, i quali con attenzione e meticolosità studiano tutti gli aspetti della vita del legionario, per poi ricostruire fedelmente armature, armi, ordini in latino, vestiario, tattiche di combattimento, esercitazioni e vita del castrum.

Come siamo organizzati?
Ovviamente, come nell’ambito delle legioni del periodo imperiale i compiti sono ben delineati: il comando della Centuria è affidato al Centurio Pilus Prior, coadiuvato dall’Optio e dal Tesserarius.
Contestualmente ci sono i portainsegne, ovvero l’Aquilifer, il Vexillarius, l’Imaginifer e il Signifer della Centuria.
Siamo suddivisi, per il momento, in 4 Contubernia, ma ci aspettiamo di riuscire ad aumentarle. Tutti i legionari arruolati ovviamente faranno parte di un Contubernium.

Cosa potremo fare insieme?
Ormai da più di 10 anni di attività nell’ambito del GRUPPO STORICO ROMANO, la Legione, conta circa 40 legionari effettivi, che partecipano a molte tipologie di manifestazioni, ovvero:

  1. Festeggiamenti per il Natale di Roma
  2. Parate militari
  3. Scorte armate
  4. Campi (Castra)
  5. Utilizzo di macchine da guerra
  6. Combattimenti e addestramento al lancio del pilo
  7. Attività didattica
  8. Giuramento di fedeltà alla Legione e all’Imperatore (Sacramentum)
  9. Evoluzioni di difesa e d’ attacco, quali: la testudo, la  acierum mutatio, l’attacco a riga e a cuneo, la protezione e difesa del Vessillo ed altre.

Quando ci incontriamo e ci addestriamo?
I legionari si incontrano ogni giovedì sera presso la sede del GSR in via Appia Antica n. 18 dalle 19.00 fino a tarda sera per svolgere varie attività, che di massima sono:

  1. partecipare al CORSO PER LEGIONARI, ove vengono svolte lezioni teoriche (comprendono: il comportamento da tenere in sede, nelle manifestazioni e nei campi; come vestire la divisa; come trattare gli equipaggiamenti; la teoria operativa, concernente la formazione dello schieramento, l’esecuzione degli ordini da fermi, in marcia, delle figure di difesa e d’ attacco e delle manifestazioni militari; la storia e la costituzione della legione romana; la storia della Legio XI Claudia P.F.; nozioni di latino finalizzate alla comprensione degli ordini) e lezioni pratiche (comprendono: l’addestramento pratico in abiti civili in sintonia con la teoria operativa; le tecniche di combattimento; il montaggio e lo smontaggio degli accampamenti; le tecniche operative di campo, con l’impiego delle macchine da guerra e l’uso degli strumenti da campo);
  2. progettare, organizzare e prendere accordi per le manifestazioni da fare a breve termine;
  3. discutere su problematiche varie concernenti le attività e l’organizzazione della Legio XI Claudia P.F.;
  4. presentazione, da parte di qualsiasi socio, di eventuali argomenti di interesse della legione romana o del mondo dell’antica Roma a seconda delle proprie conoscenze;
  5. partecipare, facoltativamente, alla cena conviviale, nel triclinium del G.S.R.

Quando ci addestriamo in divisa?
La legione, completamente vestita ed armata, si addestra mensilmente la prima domenica del mese dalle ore 9 alle 12 circa, percorrendo in genere la via Appia Antica, solitamente attorniata da spettatori, romani e turisti, stupiti ed affascinati! All’avvicinarsi della Grande Parata, organizzata dal GSR nell’ambito dei festeggiamenti per il Natale di Roma con la partecipazione di altri gruppi di rievocazione storica italiani e stranieri, le esercitazioni potranno essere più frequenti.

Quali sono i requisiti?
Oltre a quanto sopra detto, i limiti di età per l’arruolamento dei legionari vanno dai 17 anni ai 50 anni circa. Chi superasse tale limite potrà entrare a far parte invece del gruppo dei Senatori del GSR. è particolarmente apprezzato l’arruolamento di un medico, il quale potrebbe diventare il Medicus della Legio XI Claudica P.F.. Altrettanto gradito sarebbe l’arruolamento di persone abituate a suonare strumenti a fiato, per i ruoli di Cornicen e di Tubicen.

Quanto è l’impegno richiesto?
Chi entra a far parte della Legio XI Claudica P.F., dapprima è Tiro, ovvero recluta, come appunto avveniva nelle legioni romane. Una volta svolto il corso la recluta sarà sottoposta alla cerimonia molto suggestiva del giuramento, ovvero del Sacramentum, nella quale riceverà il Signaculum, una medaglia, con la quale il Tiro diventa Miles Legionarius.
Anche prima di diventare a tutti gli effetti un Legionario, il Tiro, qualora ritenuto idoneo ad essere schierato grazie all’addestramento già effettuato, parteciperà comunque a tutte le manifestazioni della Legione.
Il tempo da dedicare a queste attività ovviamente è facoltativo. Tuttavia, compatibilmente con gli impegni di lavoro o di studio o privati, ad ognuno è richiesta  la massima partecipazione possibile alle attività.
Infatti va sottolineato che più ci si addestra, più si diventa capaci, bravi e disciplinati nell’eseguire gli ordini durante le manifestazioni, cosa che conferisce maggiore attrazione per il pubblico, prestigio a tutta la Legio XI Claudica P.F. ed al G.S.R., nonché maggiore soddisfazione per i legionari, fautori delle stesse manifestazioni.

Contatti per l’arruolamento:
– OmeroChiovelli, e-mail: omero.chiovelli@alice.it // Cel. 348.0098379
– Sede del G.S.R. al numero 06.51607951