IDI DI MARZO

Il Gruppo Storico Romano, organizza la XV edizione della manifestazione culturale denominata “Idi di Marzo 2018”.L’evento è dedicato alla commemorazione delle Idi di Marzo del 44 a.C. e dell’assassinio di Gaio Giulio Cesare per mano di un gruppo di congiurati con a capo Bruto, suo figlio adottivo.
Saranno i rievocatori del Gruppo Storico Romano (associazione culturale senza scopi di lucro) che da anni ricostruiscono il tragico crimine presso l’Area Sacra di Largo di Torre Argentina. Quest’anno, per la seconda volta, si prevede anche un corteo funebre da Largo Argentina a via dei Fori Imperiali per terminare presso il Tempio di Giulio Cesare (con la partecipazione dell’Associazione Decima Legio). Così che l’evento, oltre ad avere intenti rievocativi, si propone il fine di valorizzare il patrimonio culturale della città di Roma.
Basti ricordare il Momento epocale nella storia della nostra città, all’interno della Curia di Pompeo, l’assassinio segnò il passaggio dall’età repubblicana a quella imperiale, e a tutt’oggi suscita ancora interesse e commozione tra la gente.
La manifestazione, realizzata con la supervisione del Dipartimento di Scienze storiche,
filosofiche-sociali, dei beni culturali e del territorio dell’Università di Roma “Tor Vergata”, sarà
incentrata su tre scene nell’area sacra: tempio A.
Nella prima scena verrà rappresentata la riunione del Senato nella quale Cesare, alla presenza di Marco Antonio, Catone, Cicerone, senatori e tribuni della plebe, venne dichiarato nemico pubblicodi Roma, se non avesse sciolto le sue legioni prima di tornare a Roma.
La seconda scena riproporrà l’arrivo di Cesare presso la Curia il giorno delle Idi e
l’incontro con l’indovino Spurinna, che lo aveva messo in guardia con il famoso monito: “Cesare,
guardati dalle Idi di Marzo!”. Entrato nella Curia Giulio Cesare verrà circondato dai cospiratori,
che lo colpiranno con ventitré coltellate uccidendolo.
La terza e ultima scena è incentrata sul monologo di Calpurnia Pisone (moglie di Casre) e sull’orazione di Marco Antonio durante il funerale di Cesare, nel Foro Romano, che ispirò Shakespeare per il suo Giulio Cesare.
L’elevata affluenza di pubblico nelle passate edizione, in particolare quella del 2017 , (evento
eseguito proprio dentro l’area archeologica) evidenzia come l’avvenimento riscuote consensi ed è considerata dagli stranieri e dagli operatori turistici un riferimento importante del calendario delle manifestazioni a carattere storico-culturale di Roma.

2 Risposte

  1. Carlo S. ha detto:

    Quant’era bello vederlo da dentro le rovine romane di Largo Torre Argentina!
    Ora sul marciapiede la folla così numerosa impedisce di poter gustare al meglio la vostra magnifica messa in scena.
    Fatevi ridare quello spazio o trovate il modo che tutti possano ammirarvi.
    Grazie e complimenti

  2. Antonietta ha detto:

    Bisogna sponsorizzare di più ogni anno mi di antico e mi ricordo quando è già in svolgimento tanta gente neanche lo sa comunicare comunicare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.