BANDA MUSICALE DELLA POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE AL “NATALE DI ROMA”

22 APRILE CIRCO MASSIMO DALLE 14:00 ALLE 15:00

PRESENTA: PAOLO PEROSO

POLIZIA DI ROMA CAPITALE

     Banda Musicale

          Via del Parco del Celio 3 – 00184

La Storia della Banda 

LE RADICI STORICHE DELL’ODIERNA BANDA DEL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE SONO DA RINTRACCIARSI AL 15 OTTOBRE 1870 QUANDO VENNE COSTITUITA LA “BANDA DELLE GUARDIE DI CITTÀ”.

DOPO LA DIREZIONE DEI MAESTRI MILILOTTI E PEZZINI IL 27 APRILE 1885, PRESE LA BACCHETTA IL M° ALESSANDRO VESSELLA CHE DIEDE UN NUOVO ASSETTO ALLA COMPOSIZIONE STRUMENTALE DELLA BANDA RIVISITANDO MOLTE VECCHIE PARTITURE; LE SUE SCELTE DI CORAGGIOSO RIFORMATORE DIEDERO UN TAGLIO MODERNO ED INNOVATIVO AL COMPLESSO MUSICALE.

NEL 1925 DIVIENE MAESTRO ANTONIO D’ELIA CHE TRASCRISSE ED ESEGUÌ NUMEROSI CAPOLAVORI MUSICALI PASSATI ALLA STORIA, COME LA CELEBRE ESECUZIONE IN PRIMA ASSOLUTA DEI “PINI DI ROMA” DI OTTORINO RESPIGHI ALLA PRESENZA DEL COMPOSITORE.

LA BANDA OFFRE AL PUBBLICO UN VASTO E RICCO REPERTORIO DI ALTO LIVELLO ARTISTICO, RICALCANDO LE ORME DI UN PRESTIGIOSO PASSATO E CONTINUANDO LA TRADIZIONE CHE LA VUOLE TRADE D’UNION TRA LA CITTADINANZA E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NONCHÉ MEZZO DIRETTO PER L’EDUCAZIONE MUSICALE E LA FORMAZIONE DI UNA COSCIENZA ARTISTICA E MUSICALE POPOLARE DEI CITTADINI, CON I QUALI SI TROVA IN CONTATTO NELLE PIAZZE E NEI TEATRI E DURANTE I CONCERTI E LE MANIFESTAZIONI UFFICIALI.

IL DIRETTORE

NELLO GIOVANNI MARIA NARDUZZI

I MUSICISTI

ATTUALMENTE LA COMPAGINE MUSICALE CONTA 70 ESECUTORI: MOLTI I MAESTRI DIPLOMATI PRESSO I MAGGIORI CONSERVATORI ITALIANI, MOLTI ALTRI PROVENIENTI DA SCUOLE DI ALTA FORMAZIONE MUSICALE; SPESSO MUSICISTI AFFERMATI ED ESPERTI NON SOLO IN AMBITO CLASSICO MA ANCHE NEL JAZZ, NEL POP, NEL SOUL, NELLA MUSICA LEGGERA E NEL FOLK. UN GRANDE VALORE AGGIUNTO È DATO DALLA PRESENZA FRA ESSI DI STORICI DELLA MUSICA, MUSICOLOGI E, SOPRATTUTTO, COMPOSITORI ED ARRANGIATORI DI GRANDE ESPERIENZA.

IN VIRTÙ DI QUESTA POLIEDRICITÀ DEI MEMBRI DELLA BANDA IL MAESTRO NARDUZZI, HA INSERITO NELLA COMPAGINE MUSICALE, IN AGGIUNTA AGLI OTTONI, AI FIATI E ALLE PERCUSSIONI, ANCHE STRUMENTI DI NON CHIARA VOCAZIONE BANDISTICA QUALI: CHITARRE, ARPA, CLAVICEMBALO, BASSO, TASTIERE ELETTRICHE E FISARMONICA, NONCHÉ VOCI SOLISTE CANTANTI E RECITANTI.

IL REPERTORIO CHE NE SCATURISCE È, PERTANTO, ESTREMAMENTE VARIO E COMPRENDE BRANI DI AUTORI CLASSICI DEL PASSATO TRA I PIÙ PRESTIGIOSI (BACH, BEETHOVEN, MOZART, GOUNOD, HAYDN, VERDI, BELLINI, PUCCINI, MASCAGNI, SCHUBERT, CHOPIN, WAGNER, STRAUSS, PAGANINI, RAVEL, BIZET, DEBUSSY, MENDELSSHON), AUTORI ITALIANI MODERNI (CASELLA, MORRICONE, ROTA, RESPIGHI, MORTARI) ED INTERNAZIONALI (STRAWINSKIJ, BÈLA BARTOK, GERSHWIN, MILLER, GOODMAN, BERNSTEIN), CON SORPRENDENTI INCURSIONI NELLA MUSICA LEGGERA, NEL JAZZ, NEL ROCK E NELLA MUSICA CONTEMPORANEA.